È Gravelmania, quando la Gravel ti rapisce!

Quest’anno è decisamente Gravelmania, si è iniziato a fare sul serio!

Il mercato è decisamente entrato in una fase che viaggia verso la maturità dopo i primi anni di scoperta e valutazione delle opportunità, sia da parte delle case produttrici che del pubblico.

La Gravel piace sempre di più! La Gravel è scoperta del territorio in libertà, con il giusto compromesso di scorrevolezza e possibilità di affrontare strade, sentieri e piste ciclabili. Con l’ampia scelta delle coperture più adatte al tipo di impiego che e percorsi che si desiderano affrontare esiste la possibilità di affinare al meglio l’assetto della propria Gravel.

I gruppi oramai da un po’ sono dedicati al mondo Gravel, con ottime soluzioni che abbiamo avuto il piacere di testare grazie alle molte bici prodotte e acquistate dai nostri clienti, da poco una Azienda storica italiana ha deciso di entrare alla grande nel settore: Campagnolo con il gruppo EKAR.

CAMPAGNOLO EKAR: 13 velocità, leggerezza assoluta, affidabilità e performance ai massimi livelli.

BND Gravel Campagnolo Ekar

Non potevamo rimanere indifferenti rispetto una novità di questa portata, e quindi abbiamo progettato un’edizione speciale capace di attingere al meglio delle soluzioni oggi disponibili nel mercato, partendo dal nostro telaio BND Gravel.

Vediamola nel dettaglio, reggisella e attacco manubrio sono i famosi ShokStop Redshift ammortizzati, un prodotto adatto alla gravel in grado di offrire un ottimo grado di comfort assorbendo le asperità del terreno rendendo i percorsi lunghi meno affaticanti.

Per le ruote invece ci siamo affidati a Mavic per i cerchi con gomme Schwalbe G-ONE Ultrabite ideali per l‘uso su strade con ghiaia, strade forestali e sentieri, anche in condizioni avverse.

Per ultima lasciamo la sella Fi’zi:k, di questa non ti diciamo niente, non servono commenti vieni a vederla dal vivo.

Il risultato è una Gravel BND che emoziona a prima vista e ti fa immediatamente sognare, il prossimo giro!

Rispondiamo subito ad una domanda che in quest’ultimo periodo è diventata la prima che ci sentiamo fare da tutti i clienti: Tempi di consegna? Un paio di settimane 🙂